Back To Top

San Leo: BANDIERA ARANCIONE

Nel pieno centro del Montefeltro si trova San Leo, un caratteristico borgo fortificato edificato su una roccia calcarea che a vederla sembra inespugnabile. San Leo è un luogo ricco di fascino, passeggiando tra le sue vie arroccate sugli speroni sembra quasi che il tempo si sia fermato e che la bellezza della natura non abbia mai fatto spazio a palazzoni di cemento. Questo è San Leo, un’isola lontana dal mondo. Inaccessibile al tempo e inaccessibile allo spazio, grazie all’asprezza del suo territorio questo borgo è stato nel tempo un gioiello della logistica militare. Accedere a San Leo non è tuttora facile, bisogna percorrere tanti tornanti per arrivare all’unica strada che permette di entrare nella località, ma ne vale assolutamente la pena. Ed è proprio questo per questo carattere aspro e inespugnabile che a San Leo è stata conferita la bandiera arancione, un riconoscimento dato dal touring club italiano che viene dato ai piccoli borghi dell’entroterra con un’alta qualità turistico-ambientale che nel tempo li ha fatti diventare punto di riferimento per eccellenza e qualità.

 

Scegliere di visitare questo borgo significa immergersi nelle bellezze del nostro territorio ma significa anche fare un viaggio nella storia. Questo borgo è stato infatti nel tempo conteso da numerosi dominatori, tra i più agguerriti ci furono tra il XIII e il XIV secolo ci furono i Malatesta che vennero però definitivamente sconfitti dei Malatesta che furono gli ultimi dominatori del borgo.

 

Tra le cose da vedere c’è di sicuro la Fortezza che si trova nel punto più alto del borgo a 639 metri sul livello del mare. All’interno della struttura si può visitare un museo ricco di testimonianze dal passato. è qui che si possono vedere dipinti, mobili, stampe e una vasta documentazione di tutti gli avvicendamenti politici e i giochi di potere avvenuti dentro le mura della città. Questa è anche la sede del vecchio carcere dove venne tenuto rinchiuso sino al momento della sua morte il conte di Cagliostro, è a questa figura che è legato il tipico liquore di Cagliostro, un digestivo a base di liquirizia che la leggenda vuole sia stato ideato dallo stesso conte.

Oltre la Fortezza anche La Pieve è sicuramente una struttura da visitare. Questo edificio è il più antico di tutta San Leo, anche se rimodernato in epoca romanica venne costruito addirittura in epoca carolingia. La Pieve secondo la leggenda sarebbe stata costruita proprio al di sopra della cella in cui San Leo decise di vivere i suoi ultimi anni di vita.

 

Visitare San Leo significa quindi fare il pieno di bellezza e di storia, ma anche di cultura. Questo piccolo borgo infatti ha il merito di avere ispirato Dante, il nostro sommo poema durante la scrittura della Divina Commedia e Piero della Francesca. San Leo è un luogo inarrivabile all’apparenza, ma che in realtà arriva dritto al cuore, ed è forse questa una delle motivazioni che l’hanno portato a ricevere la celebre bandiera arancione.

da Pesaro a San Leo
tramite Autostrada A14/A14

TELL ME MORE