Back To Top

Borghi Antichi

La catena appenninica tra Pesaro e Urbino nasconde dei gioielli: sono dei piccoli borghi antichi. Nei 50 km che separano la Costa Adriatica dalle alture, sono sparsi tanti piccoli borghi e castelli risalenti all’epoca medievale.

Queste borgate, nonostante l’incedere del tempo, conservano ancora intatto il loro fascino e la loro struttura originale.

A fare da cornice a questi bellissimi esempi di architettura sono le colline marchigiane, così famose e ispiratrici delle poesie di Leopardi, che pian piano discendono verso il mar Adriatico. Ogni singola pietra dei monumenti e delle case che compone questi luoghi sembra sappia raccontare alla perfezione la storia e il modo di vivere della popolazione. Tradizione, natura, architettura e storia catturano l’attenzione fin dal primo sguardo e difficilmente lasciano indifferenti e uguali a prima chiunque abbia la fortuna di visitare questi luoghi.

 

Candelara è un piccolo borgo vicino Pesaro in una posizione fortunata: da una parte si possono ammirare le colline e le cime dell’Appennino e dall’altro lato la costa e il mare. Tra i monumenti d’interesse si fanno notare sicuramente il castello dell’XI secolo con la porta d’accesso e il suo orologio, le mura difensive e il ponte di collegamento. Inoltre, si può visitare anche la Pieve di Santo Stefano con i resti degli affreschi che un tempo ornavano le mura della chiesa.

 

Novilara è un antico e piccolo borgo che si trova su una delle colline che dominano la città. Oltre alle sue mura il suo nome è strettamente legato alla necropoli che allo stato attuale degli scavi conta più di 300 tombe. L’importanza di questo sito archeologico è data anche dall’età presunta dei reperti ritrovati: coprono un arco cronologico che va dalla fine del IX secolo e la metà del IV secolo a. C.

Spostandosi appena qualche chilometro da Pesaro c’è Mombaroccio. Anch’esso possiede ancora mura di cinta del quattrocento che si offrono come comodo punto di sosta per osservare il panorama circostante. La proprietà di questo borgo passò di mano in mano per diversi secoli: dal Papa ai Malatesta passando dagli Sforza e dai Della Rovere. Infine, nel XVII secolo, ricadde di nuovo tra i domini papali. Tra le attrazioni che il Mombaroccio offre ci sono il museo dell’Arte e civiltà contadina, il Museo del Ricamo, la Chiesa di San Marco in cui si trova il Museo dell’Arte Sacra e la Chiesa dei SS Vito e Modesto.

 

Nella strada che collega Urbino e Pesaro si erge solitario il piccolissimo quanto pittoresco borghetto di Montefabbri. Qui, uno dei borghi più belli d’Italia, il tempo sembra essersi fermato. Anche qui la cinta muraria custodisce grandi attestazioni del mondo ecclesiastico: la Pieve di San Gaudenzio, le chiesa in stile romanico di San Giovanni Battista e la torre campanaria che custodisce le spoglie della Santa Marcellina, protettrice del paese

 

Vicino a Urbino, Peglio è aggrappato su un’altura e questo permette ai visitatori di approfittare di un bellissimo panorama sulla valle del Metauro e sulle principali vette della catena appenninica marchigiana; aguzzando lo sguardo si riescono a scorgere anche le torri della Repubblica di San Marino.

La sua posizione geografica nel passato costituiva il luogo perfetto per costruire una fortificazione per difendere il territorio circostante. Delle antiche costruzioni resta oggi solo la Torre campanaria e la chiesa di San Fortunato, in stile barocco, dentro cui si trovano delle cripte di età longobarda.

 

Castedimezzo è un comune vicino al mare e può contare su una posizione invidiabile per il suo panorama. La collina su cui poggia permette ai visitatori di arrivare con lo sguardo ad abbracciare chilometri e chilometri di costa fino a raggiungere, nelle giornate chiare e limpide, Ravenna.

Per chi non si accontentasse della vista del mare può di certo restare appagato nell’osservare l’Appennino e il Monte Titano su cui si erge San Marino. Un percorso pedonale permette di accedere ai resti dell’antica fortificazione.

TELL ME MORE