Situata lungo la costa, 14 km a sud di Pesaro, Fano fu un centro abitato dall’antico popolo dei Piceni e successivamente fu un importante centro romano, conosciuto come “Fanum Fortunae” in onore del “Tempio della Fortuna” probabilmente eretto a testimonianza della battaglia del Metauro avvenuta nel 207 a.C. La città fu a capo della Pentapoli marittima composta da 5 città: Fano appunto, Rimini, Pesaro, Senigallia, Ancona. Dalla fine del XII secolo la città fu governata dalla famiglia dei Malatesta, fino al 1463 quando Sigismondo Malatesta dovette arrendersi in seguito ad un lungo assedio, durante il quale fu danneggiato l’Arco d’Augusto, simbolo della città e porta d’accesso all’antica colonia romana. Il centro di Fano è ricco d’importanti edifici storici e religiosi come la Cattedrale di Santa Maria Assunta, San Paterniano, il Palazzo del Podestà o il Palazzo Malatestiano mentre numerose testimonianze artistiche sono conservate all’interno dei Musei Civici o nella Biblioteca Federiciana.
Fano è rinomata come città del Carnevale: ogni anno la città si prepara per quella che viene considerata la più antica festa di carnevale in Italia, famosa per il cosiddetto “Getto” di caramelle e dolciumi sulla folla, nel corso della sfilata dei carri.